giovedì 18 maggio 2017

Sagraria 2017 presenta il progetto Fragenziane: insieme per la difesa della biodiversità


di Silvia Baldo, responsabile Oasi LIPU Cesano Maderno

Il 20 e il 21 Maggio presso l’I.I.S. “Luigi Castiglioni” di Limbiate, si terrà “Sagraria 2017” la tradizionale festa di fine anno scolastico.

Tra le molte attività proposte, si segnala in particolare il seminario che siterrà nella mattinata di Sabato 20 Maggio 2017 dal titolo “IL PROGETTO FRAGENZIANE: INSIEME PER LA DIFESA DELLA BIODIVERSITA’ ”.
Aprirà il seminario la dirigente scolastica Prof.ssa M. C. Scarpini.
Durante il convegno interverranno i rappresentanti dei partner coinvolti nel progetto per illustrare lo stato di avanzamento dei lavori, iniziati nel 2015.

A conclusione della mattinata i partecipanti verranno accompagnati a visitare un’aiuola realizzata presso l’istituto stesso per il monitoraggio della Genziana e verrà offerto un rinfresco.

L’evento rientra in una delle azioni previste nel “Progetto FraGenziane Fragmented Gentiana pneumonanthe populations, habitats and associated fauna in local ecological network” iniziato nel 2015 i cui capofila sono il Parco Regionale del Monte Barro e il Centro Flora Autoctona della Regione Lombardia affiancati da Parco Regionale delle Groane, Consorzio Parco Brughiera Briantea, Università degli Studi di Milano, Università degli Studi di Milano Bicocca, Università degli Studi di Pavia, Associazione LIPU onlus e Istituto di Istruzione Superiore Luigi Castiglioni oltre a degli Distretto Florovivaistico Alto-Lombardo WWF Lombardia.


Fiabe nel bosco all'Oasi Lipu di Cesano Maderno

Sabato 20 maggio 2017, ore 21

Visita guidata serale alla ricerca di civette, allocchi e di altri piccoli abitanti del bosco.

Sabato 20 Maggio è in programma una notturna “speciale” durante la quale i bambini dai 5 anni in sù verranno  accompagnati dai giovani volontari Lipu in una visita guidata tematica.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA allo 0362.546827, POSTI LIMITATI.

In caso di maltempo l’evento verrà rinviato a sabato 27 Maggio.
Donazione richiesta a partecipante:
bambini € 5; bambini Soci Lipu € 3

mercoledì 17 maggio 2017

Il Lambro torna a scuola (1977-2017)


di Paolo Pirola, Associazione Culturale Brianze

L'iniziativa "Il Lambro torna a scuola 1977-2017" nasce dalla "scoperta" di un libro edito da Paravia nel 1979 in cui si dedica grande spazio ad una ricerca effettuata dalla terza media sez A  di Briosco nel 1977, relativa al fiume Lambro e al problema ambientale (Radiografia di un fiume e di un paese).


A distanza di 40 anni abbiamo pensato, come associazione culturale Brianze (www.brianze.it) di ripetere questa ricerca, per confrontarla con la precedente. A tal fine abbiamo coinvolto le Scuole Medie di Briosco, cui si sono aggiunte quelle di Cologno Monzese, grazie alla passione per il Lambro di un docente che ivi insegna.


Abbiamo poi coinvolto alcune associazioni della parte settentrionale del fiume ( Associazione Canoa Pusiano), soggetti privati (Tecnologie Impresa Cabiate - Albergo Ristorante Il Corazziere Merone), la Cooperativa Aretè ( storico Mulino di Peregallo a Briosco) e, naturalmente, comune di Briosco, Brianzacque e Parco Regionale Valle Lambro, che hanno contribuito economicamente alla realizzazione del progetto.


In estrema sintesi, il progetto prevede la campionatura delle acque del Lambro effettuata dai ragazzi a Merone/Pusiano, Briosco e Cologno ( nord- centro - sud ). Il conferimento dei campioni in laboratori attrezzati per l'analisi (grazie alla disponibilità di Tecnologie Impresa), con la possibilità di un coinvolgimento diretto degli studenti. Prevediamo inoltre l'intervento di un esperto di analisi IBE (indicatori biotici), profondo conoscitore del Lambro.


Il lavoro comprende anche:
  • Interviste a imprenditori, cittadini, rappresentanti delle istituzioni - sempre sul modello della ricerca 1977 - , per confrontare la mutata sensibilità ambientale di oggi con quella di allora.
  • La pubblicizzazione e la divulgazione di questa ricerca, con gli strumenti più idonei.
  • Una manifestazione finale di chiusura, presso il Mulino di Briosco, aperta a tutta la popolazione della valle, che potremmo definire "Festa del Lambro". Abbiamo poi invitato  gli ex ragazzi classe 1963 e i professori protagonisti della ricerca di allora per confrontarli coi ragazzi di oggi; mettendo a disposizione canoe ed accompagnatori per alcune discese lungo il fiume.
Il piccolo sogno sarebbe poi quello di istituire con le stesse scuole una sorta di osservatorio permanente delle acque del Lambro, ripetendo ogni anno analisi e divulgazione dei dati.


Per prenotare il giro in canoa: Fabio 3356846108
Per prenotare la visita al Mulino: Gabriella/Paolo 3338024913

BioBlitz 2017 alla Fontana del Guercio


sabato 13 maggio 2017

Vertemate con Minoprio: una conferenza itinerante in Brughiera alla scoperta delle piante spontanee da gustare in cucina


a cura del Comitato per il Parco regionale della Brughiera

DOMENICA 21 maggio 2017 escursione la mattina in Brughiera alla "caccia" di erbe spontanee per la cucina. Una nostra tradizionale escursione alla sua 4^ edizione!

Un percorso verso l’Abbazia di Vertemate seguendo le erbe spontanee
Scopriamo i luoghi di Vertemate - Minoprio e le piante spontanee da gustare in cucina


Le quote di iscrizione all'escursione sono completamente devolute al Comitato dai curatori della "conferenza itinerante sulle erbe" Pietro e Stefania per aiutarci con le tante spese che affrontiamo durante le nostre iniziative (e li ringraziamo ancora, per questo).

Chi sceglie di condividere con noi anche il pranzo alla sede della Cooperativa di Minoprio a fine escursione, segua le indicazioni della locandina e potrà assaporare l'ottima cucina di Michele (ristoratore del Time Cafè) con il seguente menù a €. 15,00 per persona:
  • Risotto Borragine e Toma
  • Ossobuco al Chianti con Funghi e Polenta
  • Torta di Mele e Menta
  • 1/4 di Vino  o 1 birra Piccola o 1/2 Acqua e Caffè
PRENOTATEVI....

mercoledì 10 maggio 2017

Grave furto ai danni di Legambiente all'interno del Parco del Grugnotorto


di Angelo Fabretto e Ivan Fumagalli, Legambiente Cinisello Balsamo ONLUS 

Una brutta notizia per la nostra Associazione. Ieri pomeriggio abbiamo trovato recisa la recinzione sul retro del Centro di Educazione Ambientale in via Cilea angolo via Giolitti e scassinati i lucchetti del deposito dove tenevamo tutte le attrezzature per la manutenzione del Parco Grugnotorto Villoresi. Probabilmente stanotte, dei delinquenti sono entrati e ci hanno rubato il trattorino, la trancia BCS, un tagliaerba professionale, due  decespugliatori (di cui uno appena acquistato),  due biciclette che usavano i volontari e altro materiale per la cura del verde.  Praticamente si tratta di tutta l’attrezzatura che il Circolo utilizzava per tenere in ordine le aree verdi che ci hanno assegnato nel Parco.

Si tratta di un danno del valore stimato di oltre 10.000 euro. E questo dopo che pochi anni fa avevamo subito un altro grosso furto (la tensostruttura bianca che era ubicata nel Parco in prossimità della vecchia casetta di legno). Anche in quel caso la somma stimata del danno era di circa 8-9.000 euro. Con pazienza avevamo raccolto in questi  anni meno della metà della somma attraverso donazioni, pranzi ed iniziative specifiche di raccolta fondi, tanto da farci mettere in cantiere il suo ripristino l’estate prossima anche attraverso altri fondi ricevuti attraverso progetti che partono quest’anno.
Ora siamo ancora a terra e veramente sconfortati. Tra l’altro se con il furto della tensostruttura abbiamo potuto supplire in qualche modo, senza gli attrezzi agricoli non possiamo resistere molto, l’erba cresce e la manutenzione non può essere troppo rimandata.

E’ triste vedere che nonostante ci mettiamo tempo e lavoro volontario, qualcuno non si fa il minimo scrupolo di rubare le preziose attrezzature che riusciamo ad acquistare con l’aiuto di tutti.
Non sappiamo ancora come affrontare questo secondo grave furto e nei prossimi giorni cercheremo di capire come far fronte.

Contiamo fin da subito comunque sulla vostra comprensione e solidarietà.

Se vuoi contribuire puoi:
  • indicare il codice fiscale 94576460151 nell'apposito spazio dedicato al 5x1000 in fase di dichiarazione dei redditi. In questo caso a voi non costa nulla ma a noi potrà far comodo quando incasseremo gli importi relativi.
  • donare l'importo che ritieni più opportuno attraverso un bonifico bancario. L' IBAN è IT87M0886532930000000172859 mentre la causale deve essere "Donazione a fini istituzionali". È importante mettere questa causale perché in questo modo l'importo sarà detraibile nella prossima dichiarazione dei redditi e recupererete dal 20 al 38% della somma versata (a seconda del regime fiscale vostro o della vostra azienda) l'anno successivo.
  • lasciare un'offerta presso i banchetti che faremo in occasione dei prossimi eventi (il primo sarà il Banco del Riuso il 21 maggio in Piazza Costa dalle 10 alle 18 nell'ambito della Festa del VO.CI.). 
  • reperire sul mercato o da conoscenti e amici macchinari agricoli del tipo di quelli che ci hanno rubato. In questo caso contattateci preventivamente perché le caratteristiche di questi macchinari devono essere valutati insieme.
Nelle prossime settimane organizzeremo delle cene e/o dei pranzi di raccolta fondi, potete fin da subito offrire il vostro aiuto per l'organizzazione e/o partecipare alle stesse invitando parenti e amici.

Legambiente Cinisello Balsamo Onlus
Web -
cinisellobalsamo.legambiente.org
FB - facebook.com/legambientecinisello
Flickr - flickr.
com/legambientecinisello

martedì 9 maggio 2017

Herpethon 2017: gli Amici della Natura di Triuggio presentano l'iniziativa "Allarme rosso anfibi"


Venerdì 12 maggio 2017 alle ore 21 si terrà il secondo appuntamento organizzato dagli Amici della Natura di Triuggio con Herpethon, la Campagna Salva Anfibi.

Luciano, uno dei volontari, presenta così l'iniziativa: "Conosceremo i  pericoli e le minacce causa della drastica riduzione  e quali strategie possiamo  mettere in atto per conservare  gli anfibi del nostro territorio."

I relatori saranno   Maurizio Valota  naturalista e divulgatore scientifico  e Cristian Civati  presidente dell' Associazione l'Ontano di Montorfano.

La serata è adatta a tutti, ingresso libero.

domenica 7 maggio 2017

La Regione cede il timone di Pedemontana, l'opera è diventata una patata bollente

di Dario Balotta, responsabile trasporti Legambiente Lombardia

A sorpresa il c.d.a. di Pedemontana ha nominato Giuseppe Sambo Direttore generale della Società che assume contestualmente anche il ruolo di Direttore tecnico operativo, nonchè Responsabile unico dell'opera (ferma da svariati mesi). Si tratta di un dirigente indicato dall'azionista minoritario di Serravalle che detiene il 13% della concessionaria controllata da Regione Lombardia che a sua volta detiene l'85% delle azioni di Pedemontana.

La Regione ha ceduto il timone del comando ad un socio privato, dopo la fallimentare gestione di Di Pietro per condurre una nave che è  rimasta senza soldi per comprare il carburante. Infatti lo scorso anno il bilancio ha registrato ben 22 milioni di perdite e quest'anno ne sono previste altrettante.

Nessuno pensa sia possibile la ripresa dei lavori. Infatti  Banca Europea Investimenti e Cassa depositi e Prestiti sono titubanti, e le banche italiane hanno fatto sapere che non sono proprio disponibili a finanziare l'opera. A convincerle non sono bastati neppure i 450 milioni di garanzia regionale e i 350 milioni di defiscalizzazione, veri e propri aiuti di Stato, vietati dall’Unione Europea, cui si è ricorso per finanziare ,senza successo, l’opera. Se le banche non si fidano a  sostenere l’infrastuttura, vuol dire che il mercato ha bocciato il progetto.

Un'eventuale ripresa dei lavori incontrerebbe il pesante macigno della diossina visto che il tracciato dovrebbe attraversare i terreni della ex Icmesa a Seveso. I tre tronconi aperti, i due pezzi incompleti delle tangenziali di Como e Varese e la tratta Cassano Magnago-Lentate sono praticamente inutilizzati, date le tariffe "salatissime", doppie rispetto a quelle della media nazionale. I Comuni chiedono invano compensazioni e mitigazioni che sono sempre più inattuabili.

Da Santa Maria Hoè a Casternago: una passeggiata tra le bellezze della Valletta


Oltre 100 persone hanno partecipato alla passeggiata organizzata dalla Pro Loco di Rovagnate domenica 30 aprile 2017 nell'ambito delle proposte di "Sei in Brianza".

La partenza ha avuto luogo dalla Casetta degli Alpini di Santa Maria Hoè; dopo un breve tragitto si è giunti ad Hoè Inferiore dove si è potuto visitare Villa Semenza, monumento di interesse nazionale.


L'ingresso alla corte principale avviene da un portale settecentesco.


L'edificio posto ad ovest è la parte più antica; una pietra collocata sul frontone di ingresso al locale del torchio porta la data del 1588. Il corpo centrale dovrebbe risalire al sei-settecento; presenta sei colonne in Arenaria di Malnate (pietra molera), pavimento in granito e volte ad archi incrociati.


Notevoli le sale di rappresentanza: il salone principale di circa 130 mq presenta un pavimento in "seminato alla veneziana" con motivi decorativi. Sempre a pian terreno troviamo la biblioteca, un salotto con pianoforte, la sala del biliardo e la sala da pranzo.

 

Dal porticato si diparte un ampio scalone, forse opera dell'arch. Richini, che porta ai piani superiori.


Nella zona ad est del complesso si trova una seconda corte, dove in origine si affacciavano gli edifici rurali, ora adibiti ad abitazione.


Il complesso comprende anche una cappella privata, posta a sud-est, risalente al XVIII secolo.

 

Notevole il giardino, anch'esso tutelato.

 

La proprietà originaria era della famiglia Erba, che nel 1621 si imparentò con gli Odescalchi; il marchese Alessandro Erba sposò infatti Lucrezia Odescalchi, sorella del futuro Papa Innocenzo XI. Dopo diversi passaggi di proprietà avvenuti tra la prima metà dell'800 e l'inizio del '900, la villa appartiene oggi alla Famiglia Semenza.


Notevole la cantina che nasconde un cunicolo utilizzato come "passaggio segreto" per uscire di nascosto dalla villa.

Viene aperta al pubblico solo in alcune occasioni - come ad esempio le Giornate FAI - o può essere affittata per ricevimenti.


Usciti dalla villa e costeggiata la Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Hoè, ci si è addentrati lungo il sentiero che conduce alla località di Perego. Lungo il percorso si è potuta vedere una "croce della peste" a testimonianza della pestilenza che colpì questi luoghi verso il 1630.

 

Arrivati a Perego si è potuto visitare il cinquecentesco "chiostro di San Giovanni", dove gli organizzatori hanno offerto un piccolo rinfresco.

 
 

Risaliti alcuni sentieri panoramici verso la Valcurone si è giunti prima alla "collina dei cipressi" e successivamente alla frazione di Galbusera Nera dove era prevista la sosta per il pranzo.

 
 
 

Nel pomeriggio, raggiunta la vicina frazione della Galbusera Bianca, si è visitato il piccolo borgo, ora sede dell'Oasi WWF della biodiversità, e la chiesetta di San Francesco risalente al 1841 sorta sul sedime di un oratorio del Cinquecento.

 

La piccola navata è ingentilita da una fronte neoclassica a timpano e mezzaluna e un protiro ben delineato retto da due colonne ioniche.

 

Saliti verso la frazione Monte il gruppo ha poi raggiunto la chiesetta di San Martino a Casternago dove si è conclusa la passeggiata.

 
 

sabato 6 maggio 2017

Due appuntamenti con la Brughiera


1° appuntamento
“CONOSCERE E AMARE LA BRUGHIERA”

LUNEDI' 8 maggio 2017 alle ore 15.50 inizia il corso organizzato dal Comitato per il parco regionale della Brughiera presso il  Liceo Statale “E. Fermi” via Giovanni XXIII – Cantù (CO) all'interno di un programma di corsi organizzati da Auser Insieme Canturium Onlus Servizi Alla Persona – Tempo Libero e Università Popolare Auser Insieme Canturium Onlus.

Le lezioni si terranno ogni lunedì pomeriggio di MAGGIO e alla fine del corso, mercoledì 31, ci sarà un'escursione in Brughiera. Anche il Parco Brughiera Briantea ha aderito a questa proposta partecipando alle iniziative anche con la presenza delle GEV (Guardie Ecologiche Volontarie) e mettendo a disposizione i sette video prodotti dal PLIS riguardanti la Brughiera che verranno proiettati durante le lezioni.

Iscrizioni presso l’ufficio Corsi aperto dal lunedì al venerdì ore 9.15 - 11.30 o lo stesso lunedì prima della lezione.

Tessera annuale Auser 15 €
AUSER INSIEME CANTURIUM ONLUS – VIA ETTORE BRAMBILLA, 3 – 22063 CANTU’ - TEL 031-3515003 – FAX 031-7090506 

E-MAIL - cantu@auser.lombardia.it
SITO WEB  www.auser.lombardia.it/como/cantu


2° appuntamento
UN PARCO REGIONALE NEL FUTURO DI MARIANO


L’Amministrazione Comunale di Mariano Comense ha il piacere di invitarvi all'incontro


martedì 9 maggio 2017, alle ore 21, presso la sala del palazzo civico, piazza Roma, 52.
Info: Settore Servizi Culturali, 031 757.268