martedì 22 maggio 2018

Mozzate, il mio paese

Ambrogio Guglielmetti
Il 25 agosto 2014 ci lasciava Ambrogio Guglielmetti, rappresentante storico del Comitato Mozzatese “Salute e Ambiente” fino all'ultimo attivista attento alla vita politica e sociale, ambientalista generoso e appassionato sempre in prima linea nelle battaglie per la tutela del territorio mozzatese contro le discariche e le devastazioni portate dall'autostrada Pedemontana Lombarda.

Proprio per contrastare la devastante ed inutile autostrada, Ambrogio e il Comitato "Salute e Ambiente" di Mozzate erano entrati nel coordinamento Insieme in Rete per uno Sviluppo Sostenibile spendendosi con continuità in un lavoro continuo di denuncia ed informazione costante sulle criticità generate dall'infrastruttura.

Ambrogio se ne è andato quasi 4 anni fa ma ci ha lasciato una preziosa testimonianza del suo impegno e del suo amore per il suo Paese e per la Natura.


La moglie, Carla Contardi con il supporto della famiglia e con l'aiuto di Gemma Beretta, anch'essa appartenente ad Insieme in Rete, ha raccolto i suoi scritti e ha pubblicato un libro dove Ambrogio racconta Mozzate  - suo paese natale - negli anni, focalizzando storia, vita sociale e questioni ambientali.

Ciao Ambrogio, sei andato avanti ma ci continui a mostrare come una vita può essere ben spesa per la collettività, cercando un mondo migliore.

A cura di: Sinistra e Ambiente di Meda

Camminata tra i sentieri di Capiago Intimiano


Cesano Maderno: una interessante iniziativa per comprendere i meccanismi che legano la corruzione, la prescrizione e la mafia


domenica 20 maggio 2018

Meda: alla festa del volontariato con il Comitato Groane-Brughiera


a cura del Comitato Parco Regionale Groane-Brughiera

Domenica  27 maggio 2018 veniteci a trovare a Meda (MB) al nostro gazebo alla FESTA DEL VOLONTARIATO dalle ore 10:00 alle 18:00 in zona piazza Cavour. Potremo condividere con voi finalmente il PARCO REGIONALE GROANE-BRUGHIERA che è nato all'inizio di quest'anno. Esporremo la mappa generale del nuovo Parco Regionale su cui si stanno facendo molti ragionamenti per il futuro, che vorremmo condividere con chi fosse interessato.

Avremo materiali e documentazione sui parchi e sopratutto sul parco Groane-Brughiera. Siete tutti invitati a partecipare e a visitare la nostra postazione. Ci sarà la possibilità di fare la tessera di sostegno al Comitato 2018 o di fare il rinnovo.

Di questo appuntamento alleghiamo il programma completo dove sono indicate altre iniziative anche durante la settimana.



venerdì 18 maggio 2018

Cammino di S. Agostino: Pellegrinaggio "della Cintura" da Monticello al Rus Cassiciacum (Cassago Brianza)

"Madonna della cintura" presso la Parrocchiale di S. Agata a Monticello Brianza
Il Cammino di Sant'Agostino è un pellegrinaggio di 620 km che collega 50 Santuari mariani e i luoghi lombardi legati alla figura del celebre “Santo della Grazia”. Uno di questi luoghi in particolare, il Rus Cassiciacum di Verecondo (oggi Cassago Brianza), è particolarmente importante perché ospitò Agostino per circa sei mesi, nel periodo cruciale della sua conversione alla fede cristiana.

La tappa del Cammino proposta per Domenica 27 Maggio 2018 (5 km andata + 14 km ritorno, tutti nel cuore della Brianza) si svolgerà nei luoghi che videro la conversione di Agostinum Hypponiens. Agostino si ritirò nelle terre brianzole nell'estate del 386 d.C., trasferendosi da Milano a Rus Cassiciacum con la madre Monica, il figlio Adeodato e un cenacolo di amici, discepoli e parenti, ospite della villa romana dell’amico Verecondo.

A Rus Cassiciacum Agostino scrisse le prime opere a noi pervenute (il Contra Accademicos, il De Ordine, il De Beata Vita, il De Quantitate animae, il De Immortaltate animae ed i Soliloquia). Ispirato dal “verdeggiante paradiso”, come egli lo chiamò nelle sue Confessioni, dei luoghi egli vi maturò la conversione che lo avrebbe portato, la notte di Pasqua tra il 24 ed il 25 aprile del successivo anno 387, a ricevere il battesimo dalle mani del Vescovo Ambrogio. Il rito battesimale avvenne nel battistero di San Giovanni alle Fonti della Chiesa di Santa Tecla i cui resti possiamo ammirare ancora oggi nel sottosuolo del sagrato del Duomo di Milano.

La memoria del soggiorno di Agostino è tramandata dalle vestigia archeologiche che ricordano la presenza di una villa romana a Cassago e - anche - dalla devozione tutta agostiniana alla Madonna della Consolazione, più nota come Madonna della Cintura, la quale è tuttora assai diffusa nell'Arcidiocesi milanese. Secondo una tradizione medioevale la Madonna sarebbe apparsa a Monica e per consolarla della sua vedovanza le avrebbe fatto dono del suo cingolo, quale simbolo di fedeltà. L’Ordine Agostiniano ha fatto proprio questo simbolo, tant'è che i religiosi agostiniani sono riconoscibili grazie a una caratteristica cintura in cuoio stretta da un anello, che portano al fianco.

Questo importante aspetto devozionale è presente da secoli in numerose Chiese brianzole e lombarde: ancora oggi la devozione alla Madonna della Cintura è viva e presente nelle Parrocchie di Biassono, Ferno, Sirone, Pasturo e Monticello Brianza. In particolare a Monticello, paese poco distante dal Rus Cassiciacum che ospitò Agostino, nel XVI secolo fu fondata una Scuola dei Cinturati, la cui presenza è tuttora ricordata da una grande e bel quadro settecentesco che raffigura la Madonna della Cintura nell'atto di offrire il sacro cingolo a Monica e Agostino. Quest’opera ha, in un certo modo, prefigurato e fortemente influenzato il disegno e la realizzazione del Cammino agostiniano.

Il pellegrinaggio da Monticello Brianza a Rus Cassiciacum di Domenica 27 maggio 2018 intende quindi far riscoprire e conoscere - camminandoli - i territori che videro la conversione del Santo, Padre della Chiesa ma anche filosoficamente il “primo dei moderni”, pensatore grandissimo all'origine del pensiero e della civiltà occidentali.

Questo il programma del pellegrinaggio di Domenica 27 Maggio:
  • ore 8:00 Santa Messa presso la Parrocchiale di S. Agata a Monticello Brianza;
  • ore 8:50 Benedizione dei pellegrini “cinturati” all'altare della Madonna della Cintura;
  • ore 9:00 Consegna della Credenziale del Pellegrino e inizio del pellegrinaggio;
  • ore 10:45 Arrivo a Cassago – Rus Cassiciacum, Timbro della Credenziale;
  • ore 11:00 Benedizione della nuova scultura di S. Agostino in Rus Cassiciacum;
  • ore 12:30 Pranzo al sacco nel parco della villa di Verecondo;
  • ore 14:00 Ripartenza lungo l’antica “Via romana della Busa”, percorsa da S. Agostino;
  • ore 15:15 Visita del Monastero Benedettino di Brugora (Besana Brianza);
  • ore 15:40 Ripartenza per Monticello Brianza lungo la valle del Pegorino;
  • ore 17:00 circa: arrivo a Monticello Brianza.
Totale del pellegrinaggio andata-ritorno: 19 km. E’ suggerito ai pellegrini di indossare visibilmente una cintura, a testimonianza e memoria della antica devozione agostiniana; la partecipazione è gratuita, è gradita un’offerta libera a copertura delle spese organizzative.

Per iscrizioni: info@camminodiagostino.it

Ferrovia Como - Lecco: un binario nel verde


Si continua a parlare della linea ferroviaria Como-Lecco… ecco il nuovo libro di Roberto Ghioldi e Salvo Bordonaro che racconta la storia e le problematiche di questo tracciato dalle grandi potenzialità che, dopo 130 anni dalla sua realizzazione conserva ancora, attraverso le sue stazioni dai marcati caratteri formali, la magia di una linea strategica, affascinante per il suo andamento che rispetta la morfologia dei luoghi, lungo la fascia pedemontana ricca di piccoli laghi e paesaggi stupefacenti…

Venerdi 18 maggio 2018 la presentazione ufficiale del volume in Villa del Soldo, un contesto degno del tema, dalle 20.45 con gli autori, le Amministrazione di alcuni comuni lungo la linea e Legambiente, che con la Green Station, presidio ambientalista presso la stazione di Brenna-Alzate porta avanti da due anni iniziative volte alla valorizzazione e alla promozione del territorio e della mobilità sostenibile.